Translate

Il Nido

sabato 5 novembre 2016

E' arrivato il momento del cambiamento.
Dopo anni di onorato servizio sono pronto ad abbandonare (non so se per sempre) lattine, fascette e orpelli artificiali.
Quello che continua ad affascinarmi di questo progetto delle Piante Volanti è il ruolo di assoluto protagonista della pianta, dell'elemento naturale e soprattutto del suo svilupparsi nel tempo.
E allora perchè non utilizzare delle Piante Volanti completamente naturali?

Mi ero posto, agli inzi del progetto il vincolo della durabilità della Pianta Volante e soprattutto del contenitore. E quindi un materiale durevole (e artificiale) poteva essere d'aiuto.
Al diavolo! Lasciamo che la natura decida da sola quel che e' durevole e quel che deve deperire.

E allora nasce "il nido".



Ho preso spunto dall'abilità di molti animali (tra cui insetti e uccelli) di costruire tane e nidi usando terra e rami. Mi sono cimentato e ho costruito un "nido" pronto ad accogliere le piante.
Ha una struttura di rami intrecciati ed e' realizzato in terra (argillosa) e paglia, insomma in terra cruda.
E anche per appenderlo ho usato altri rami flessibili.
Non hanno la stessa tenuta e praticità delle fascette da elettricista ma con questo sistema ho usato esclusivamente elementi naturali, trovati in giro, per strada.

Il primo "Nido" e' in piazza Carnielli, a Milano (vicino a casa cosi' lo posso controllare).
Potrebbe avere vita breve. La posizione non è forse delle migliori ma è l'inizio di una nuova vita delle mie piante volanti.
E' stato installato il 4 novembre 2016 in occasione della giornata nazionale del guerrilla gardening (anche quest'anno festeggiato degnamente)

Contiene Sedum album, Sempervivum tectorum, un bulbo di Crocus e semi misti (infestanti e non).
E soprattutto l'ho installato con l'ausilio di 4/6 della mia famiglia.... una meraviglia.




la struttura

 il nido




foto di gruppo del team di installatori





Io l'ho conosciuta Donata

sabato 12 marzo 2016

Eh sì... io la conosco Donata!
Donata non e' una persona, ma un meraviglioso angolo di Bologna, un'aiuola in porta San Donato, davanti a mineralogia, all'incrocio di via zamboni e via irnerio.

 
Foto di Massimiliano Sitta

L'ho conosciuta e ho avuto l'onore e il piacere di conoscere chi ha fatto in modo che un arido brandello di città potese diventare un inaspettato bagliore verde.
Sono i membri del gruppo Terra di Nettuno e sono veramente orgoglioso di averli incontrati nella mia vita, cosi' come sono orgoglioso di avere incontrato tante fantastiche persone, in giro per l'italia, tutti accomunati dalla pratica del Guerrilla Gardening.


Le prima volta che ho visto Donata è stato in foto e in video, questo qui sotto


E ancora non l'avevo vista di persona, non avevo conosciuto nessuno di Terra di Nettuno.
Poi ci fu il fantastico Raduno Nazionale di Guerrilla Gardening del 2013, organizzato proprio a Bologna da Terra di Nettuno.
E in quel momento comprendi il reale valore di quello che si sta facendo.

Vedi i luoghi, parli, ridi e zappi con le persone. 
Donata la vedi in foto e te ne fai una idea, ma dal vivo è tutt'altra cosa.
Se poi hai pure dedicato del tempo, in stupenda compagnia, ad accudirla, diventa una parte di te, della tua vita.
E in una ipotetica guida turistica del Guerrilla Gardening, Donata rappresenta uno dei posti assolutamente da non perdere, perche' va vista e vissuta.

Cosi' come l'aiuola a Centocelle dei Giardinieri Sovversivi Romani, le varie aiuole sparse a Quarto Inferore di Fante di Fiori o la ‘CAMPAGNETTA’ di via Emilia a Taranto di Ammazza che Piazza.

Ora succede che Donata rischia di essere rasa al suolo per dei lavori sotterranei.
Terra di Nettuno sta cercando di lanciare degli appelli all'amministrazione per sollevare la questione.
Sarebbe un vero peccato vedere abbattute le piante che con tanta fatica (loro e di chi le ha piantate) sono riuscite a prosperare in quella terra dura e colma di laterizi.

Se vi capita di passare da Bologna andate a vederla Donata. Se ne avete voglia, raccogliete l'appello di Terra di Nettuno e scrivete una mail.

Il fatto, triste, è che questo sicuramente non salverà per sempre Donata o l'auola di Centocelle o tutte le altre nostre aiuole.
Arriverà sempre il giorno in cui gli interessi di qualcuno fagociteranno le aiuole, gli spazi verdi, gli alberi nella assurda stupidità umana di possedere il suolo, la terra, la natura.

Pero' noi siam fatti cosi'.. abbiamo deciso di essere guerriglieri.  Siamo orgogliosi della parola Guerrilla Gardening e se sradicano le nostre aiuole, se radono al suolo i girasoli pronti a sbocciare non ci fermiamo di certo.

It's guerrilla gardening baby!



Un po' di foto di Donata le trovate anche in questo album fotografico


Piante volanti al raduno nazionale di Taranto 2015

martedì 5 maggio 2015

E' molto difficile riuscire a descrivere a parole la valanga di emozioni scaturite dal raduno nazionale di Taranto del 2 e 3 maggio 2015.


I ragazzi di Ammazza Che Piazza (il gruppo tarantino organizzatore) ci hanno permesso di vivere una due giorni intensissima e splendidamente organizzata durante la quale ci hanno mostrato con amore, passione, rabbia tutti gli aspetti della loro affascinante e contradditoria città.

Una interpretazione del Guerrilla Gardening totale, estesa e coinvolgente che ha ammaliato tutti coloro che hanno avuto il privilegio di poter partecipare.

Tanti attacchi verdi, ciclopasseggiate e critical mass (biciclette per tutti! messe gratuitamente a disposizione dalla ciclofficina), incursioni ricche di storia e racconti nel Borgo Antico, sorrisi, abbracci e soprattutto la scoperta di una bellissima realtà di giovani impegnati, determinati e preparati che stanno facendo un enorme lavoro per la loro città e che merita di essere conosciuto da tutti.

E poi.. tante.. tantissime piante volanti!
Appese da tutti con passione ed entusiasmo. Piante Volanti appese solo per abbellire o appese con un significato ben preciso: una dedica, un ricordo.. ma anche con un bel cactus di fronte a chi si merita delle spine!
E questo uso delle Piante Volanti mi ha particolarmente colpito perche' in questi anni ho visto (con molto piacere) usare, da parte di tanti gruppi, questa tecnica (quella delle Piante Volanti) con tanti significati differenti : da quello piu' poetico e botanico, a quello commemorativo e evocativo, alla protesta, alla lotta.

Come gli altri due raduni, quello di Bologna e quello di Roma, anche questo di Taranto e' un pezzo di storia (e anche di cuore) del Guerrilla Gardening.

Aver potuto partecipare è stato un vero privilegio. Grazie Taranto, Grazie Ammazza Che Piazza!



La cargo bike trasportava barattoli e piante




Campioni mondali!!!!!

mercoledì 12 novembre 2014

Il gruppo Hanta Yo si è aggiudicato il titolo di  "Campione del Mondo di Piante Volanti"
Martedi' 4 novembre 2014 si e' infatto concluso il campionato mondiale e i concorrenti hanno comunicato i loro risultati.

Il gruppo milanese Hanta Yo composto da Monica Flann, Camilla Perrucci, Simona Ranon e Rita Viotti si è meritatamente aggiudicato il titolo con uno strabiliante punteggio di 5 punti.
6 le piante installate nel 2013 e 5 le piante sopravvissute. L'unica vittima e' dovuta alla rimozione del palo a cui era stata appesa.
Complimenti alla vincitrici che hanno dimostrato una eccellente condotta di gara credendoci fino all'ultimo!



Al secondo posto si piazza eroicamente e meritatamente il valoroso Fante di Fiori con uno straordinario e rocambolesco 100% di score. Una installazione alla partenza e una alla fine.
Un solo, preziosissimo, punto conquistato nonostante un gravissimo atto di sabotaggio (il furto della lattina king size, documentato in questo post) che ha rischiato di compromettere la galoppata del prode Fante.

Gli altri concorrenti non hanno comunicato il punteggio finale (ovvero quante piante sono sopravvissute in un anno) e quindi hanno totalizzato zero punti.

si piazzano quindi, al terzo posto, a pari merito:

Gemme Vaganti (milano)
Insortu (cagliari)
Le Succulente (milano)
Zena Zapata (genova)

Il 4 novembre 2014 nel corso del tradizionale attacco in occasione della giornata nazionale del guerrilla gardening italiano si e' tenuta una intensa e commossa cerimonia di premiazione alla quale hanno partecipato due componenti del gruppo vincitore


 La foto della premiazione, durante la quale le vincitrici hanno ricevuto l'esclusiva lattina (ispirata al barattolo di "merda d'artista" di Piero Manzoni) contenente una crassula.

Ecco qui sotto una galleria fotografica delle immagini piu' suggestive del campionato.

Hanta yo




Fante di Fiori




Altri concorrenti


Qui sotto riportiamo foto scattate in momenti precedenti alla chiusura della competizione.
E' noto che alcune piante sono ancora in vita (e quindi avrebbero potuto garantire un punteggio per la classifica finale), ma il regolamento richiedeva che fossero gli stessi concorrenti a comunicare il punteggio (non essendo possibile per gli organizzatori controllare di persona tutte le installazioni effettuate)
Ecco comunque alcune delle piante

Gemme Vaganti (milano, piazzale cadorna, autunno 2014)


Le Succulente (milano, via dante, autunno 2014)


Insortu (cagliari, estate 2014)

Menzione Speciale


Una menzione speciale va a Grifo Mansueto Guerrilla Gardening di Arzignano che, seppur fuori tempo massimo, ha onorato il campionato mondiale con una azione in terra straniera (Istambul) come riportato in questa fotografia



Maggiori informazioni sulla manifestazione le potete leggere e vedere sulla apposita pagina facebook

Rush finale al campionato mondiale di Piante Volanti

mercoledì 8 ottobre 2014



Manca meno di un mese alla chiusura del primo campionato mondiale di piante volanti.
Il 4 novembre 2014 verrà proclamato il vincitore dell'ambito titolo!

Come gia' riportato al termine della storica giornata della competizione sarà cura dei singoli partecipanti comunicare (in completa onestà, meglio ancora se corredato con immagini inequivocabili) il numero di piante ancora in gara e quindi il proprio punteggio finale.

Ricordiamo che le installazioni dovranno essere nello stesso luogo in cui sono state originarialemte posizionate e contenere delle piante in salute.
Ai fini del concorso e' ritenuta valida la manutenzione delle piante ma non la sostituzione del vaso (nel caso l'installazione fosse stata rimossa e' da considerarsi eliminata dal punteggio).

Si consiglia (per rispetto del regolamento) di effettuare il censimento definitivo il giorno 3 novembre, ma saranno ugualmente ritenuti validi i risultati consegnati a partire dalle ore 00.00 del 27/10/2014 alle 23.59 del 03/11/2014.


I risultati vanno comunicati via mail all'indirizzo piantevolanti@babbocanguro.it oppure sull'apposita pagina facebook del campionato
https://www.facebook.com/campionatomondialedipiantevolanti

Chi non si ricordasse dove ha piazzalo le piante puo' consultare la pagina del resoconto dove sono annotate tutte le posizioni.


50 lattine. Oltre i confini dell'uomo

lunedì 8 settembre 2014

Nella notte tra il 6 e il 7 settembre abbiamo voluto mettere alla prova i confini umani del guerrilla gardener "volante".
L'obiettivo era appendere 50 lattine.
Ci siamo riusciti anche grazie a soluzioni innovative come "la sestina" (sei lattine sullo stesso palo) che consentono di economizzare sulle fascette.
La conta finale è stata addirittura di 51 lattine che riportano, come nome, gli anni dal 1964 al 2014.



Nome e luoghi


1964 1965 1966
Viale Abruzzi 89

1967
Via Piccinni 2, altezza PAM  ang Monteverdi

1968
Via Piccinni 2, altezza PAM, fermata della 92

1969
Via Matteucci 1, uffici del Comune e ufficio rette di MiRi

1970 1971 1972
Viale Abruzzi 35

1973 1974 1975
Viale Abruzzi 21, ang via Plinio

1976 1977 1978 1979
Via degli Scipioni ang piazza Ascoli

1980 1980 1981 1982 1983
Piazza Ascoli ang via Tiepolo (Liceo Virgilio)

1984 1985 1986 1987
Piazza Carlo Erba ang via Plinio

1988 1989 1990 1991
Viale Romagna, controviale, ang via Pascoli (Casa dello Studente)

1992 1992 1994 1995 1996 1997
Piazza Leonardo da Vinci 32, ingresso Politecnico

1998 1999 2000 2001 2002 2003
Piazza Leonardo da Vinci ang via Ampere, Facoltà di Architettura

2004 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009
Via Vallazze ang via Ampere

2010 2011 2012
Via Lambrate ang piazza San Materno

2013 2014
Via Mancinelli ang via Casoretto


Questo e' il video delle 50 














A Parigi tutto bene - Progetto streetview

martedì 2 settembre 2014

Non ho mai piu' avuto notizie sulle quattro installazioni parigine del 6 aprile 2012.
Non avendo l'opportunità di controllare in loco ho pensato di affidarmi agli strumenti telematici.
Streetview!

Ecco allora la prima serie delle foto "scattate" da streetview, grazie alle quali possiamo vedere che le piante ci sono tutte e stanno pure abbastanza bene

Partendo quindi dalla mappa ho potuto verificare lo stato di salute delle piante (le rilevazioni sono abbastanza recenti).

La freccia indica la posizione della pianta.

Balòn de Firussino

Jim Jack

Jowatopam

Monneneia